Privacy Policy

Visite ginecologiche gratis alle immigrate. Le italiane? Loro devono pagare tutto. Scoppia la polemica.

Loading...

Un’ iniziativa non ben condivisa dagli italiani. Dalle donne italiane soprattutto. Basta viziare gli immigrati. Questa la polemica.

Alcune associazioni di Trento e Rovereto hanno proposto che da febbraio sono state attivate delle visite gratis per gli immigrati. In modo particolare la proposta è rivolta alle donne immigrate, per una visita ginecologica.

Leggiamo su Il Populista:

Sarebbe una bellissima iniziativa se non fosse contaminata da quel razzismo alla rovescia che sta inquinando sempre di più il nostro Bel Paese. Le visite mediche infatti sono esclusivamente rivolte alle immigrate giunte in Italia con i barconi che non solo saranno mantenute negli alberghi a quattro stelle

con vitto e alloggio pagato dai contribuenti italiani, ma ora avranno accesso anche a prestazioni sanitarie che, di norma, le donne italiane devono pagare per poterne usufruire.

Non sarà un caso allora se l’immagine allegata a questo articolo provenga dal sito del Ministero della Salute della Repubblica Italiana. Ecco i nuovi italiani, ecco la ferrea volontà della sinistra di continuare la sostituzione etnica finché non diventeremo minoranza nel nostro Paese e saremo costretti a vivere nelle riserve, come gli Indiani d’America

La rivolta parte proprio da chi è costretto ad evitare visite di controllo perchè troppo costose. Qualcuno lo chiama anche razzismo alla rovescia. Una brutta supposizione, ma è quello che sta contaminando il nostro Paese.

Troppe iniziative a favore di immigrati, poche anzi nessuna a favore di italiani che pagano tasse salate. Siete d’accordo che forse un occhio di riguardo anche per gli italiani non guasterebbe?

Loading...

fonte:https://adessobasta.org/2018/05/08/visite-ginecologiche-gratis-alle-immigrate-le-italiane-loro-devono-pagare-tutto-scoppia-la-polemica/

Please follow and like us:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *