Privacy Policy

È ufficiale: la voce delle donne deteriora il cervello degli uomini

Loading...

Stiamo vivendo nel 2018, ma sicuramente qualche scienziato sta vivendo nel 3067, perché stanno arrivando delle ricerche che non possono che provenire direttamente dal futuro.

C’è vita dopo la morte? Esistono davvero gli alieni? Perché quando stiamo a sentire una donna per un tempo prolungato iniziamo a perdere neuroni e il nostro sguardo finisce per fissare un punto nel vuoto?

Queste e tante altre domande sono sotto ricerca serrata della scienza moderna, che si sforza quotidianamente per portarci dei risultati al fine di colmare gli innumerevoli vuoti che abbiamo ancora tutt’oggi.

Non abbiamo ancora tutte le risposte che vorremmo, ma è arrivata una ricerca che è riuscita a capire cosa provoca la voce femminile sul cervello degli uomini, quando viene ascoltata per un periodo prolungato.

Da oggi, avrete finalmente delle scuse per giustificare la vostra mancanza di sobrietà con prove schiaccianti alla mano.

Andiamo a scoprire quali principi scientifici hanno fatto da colonne portanti per questa ricerca.

Spesso uomini e donne imputano l’un l’altro difetti ed attitudini che non sempre rispecchiano la realtà. Del resto, specie tra le coppie, la prolungata convivenza può logorare i rapporti, rendendo piccole peculiarità caratteriali delle enormi e quasi insormontabili lacune.

Tuttavia, come dimostrato da un recente studio condotto da una rinomata università britannica, un particolare e fastidioso “difetto femminile” troverebbe la sua spiegazione in ambiti empirici e scientifici. Siate pronti, dunque, a scoprire come e perché alcuni uomini non tollerino in alcun modo la voce delle donne.

La voce delle donne è estremamente fastidiosa per gli uomini” afferma Michael Hunter, dottore e ricercatore presso il ‘Dipartimento di Psichiatria e Medicina Genomica‘ all’Università di Sheffield (South Yorkshire, Regno Unito).

Ciò accade perché la forma (così come le dimensioni) delle corde vocali femminili differisce da quella maschile“.

Da ciò si evince che uomini e donne (logicamente) producono suoni differenti, e hanno diverse conseguenze sui potenziali ascoltatori.

Le donne producono suoni complessi che stimolano soltanto la parte posteriore del cervello dell’uomo, deteriorandola. Per questo è confermata la tesi secondo cui, seppur involontariamente, i maschi ascoltino poco ed in modo disinteressato le donne. I risultati della ricerca sono scaturiti dall’analisi dei cervelli di uomini e donne sottoposti a complicate tecniche di risonanza magnetica nucleare.

Loading...

Insomma, nulla è stato lasciato al caso o a semplici supposizioni, ma si è intervenuti con precisione scientifica utilizzando anche strumenti appositi per dimostrare e rafforzare il concetto.

livello biologico potrebbe sembrare assurdo, in quanto esemplari di sessi diversi dovrebbero necessariamente avere dei tratti specifici per attirare esemplari di sesso opposto, ed uno di questi dovrebbe essere proprio la voce.

Potreste già avere tutti i dati che vi servono, ma la ricerca si è spinta oltre andando ad appurare anche altri concetti che fino ad ora erano rimasti poco chiari.

Grazie alla suddetta ricerca è stato inoltre possibile appurare senza ombra di dubbio che, seppur con le dovute eccezioni, le donne impiegano molto tempo per esplicare un concetto, differentemente dagli uomini, enormemente più sintetici e concisi. Scienziati ed ingegneri ritengono che studi di questo tipo consentiranno in futuro il riconoscimento vocale di persone implicate in casi investigativi, qualora le stesse non fossero state precedentemente riprese dalle telecamere.

Per concludere, la prossima volta che vostro fratello, il vostro miglior amico o addirittura il vostro compagno vi sembrerà assorto tra i suoi pensieri durante un logorroico monologo, sappiate che il suo comportamento è del tutto normale, almeno fino alla prossima ricerca scientifica contraria.

FONTE:https://www.commentimemorabili.it/la-voce-delle-donne-deteriora-il-cervello-degli-uomini/5/

Please follow and like us:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *