Privacy Policy

Sbarchi in aumento, la denuncia dei poliziotti: “Colleghi contagiati dalla tubercolosi”

Loading...

Loading...

In un’interevista su Libero il segretario del Sap, Stefano Paoloni, denuncia le condizioni nelle quali gli agenti della Polizia e delle forze dell’ordine sono costretti ad operare da quando è aumentato il numero degli sbarchi: situazioni al limite, soprattutto dal punto di vista igienico – sanitario

Già nei giorni scorsi un suo sfogo mette in luce quello che accade nell’hotspot di Lampedusa, quando i migranti iniziano ad arrivare in misura di gran lunga superiore rispetto ai mesi precedenti.

Lui è Stefano Paoloni, segretario del Sap, uno dei principali sindacati della Polizia: intervistato su Libero, Paoloni sfoga nuovamente le sue preoccupazioni per quello che sta accadendo non solo a Lampedusa, ma anche nel resto della Sicilia in questi giorni contrassegnati dall’impennata di sbarchi.

Una situazione al limite, in cui i membri delle forze dell’ordine operano con turni di dodici ore, tra interventi di soccorso e tra gestioni all’interno delle strutture di accoglienza rese difficili anche dalle condizioni igienico sanitarie.

“A Trapani ad esempio – dichiara Paoloni – Stanno facendo dei lavori nel centro di accoglienza. Di conseguenza le fognature sono scoperte. I poliziotti devono lavorare di fianco ai liquami a cielo aperto, facile immaginare quale possa essere l’odore”.

Ma, a proposito di condizioni igienico sanitarie, tra i poliziotti in questi giorni in Sicilia c’è chi risulta positivo alla tubercolosi: “Qualche collega dopo i controlli scopre di essere positivo alla Tbc – racconta Paoloni – Risultare positivi non significa aver contratto la Tbc, però questo obbliga a un percorso terapeutico molto pesante, che debilita particolarmente il fisico per sei mesi e preclude alcune attività. Non si può prendere il sole, si avvertono dolori alle articolazioni. Sono terapie preventive per evitare che si possa sviluppare la malattia con una cura antibiotica”.

Non solo rischi derivanti dalle condizioni igienico sanitarie, bensì anche quelli relativi alla sicurezza: “Normalmente al momento dell’ arrivo gli immigrati non danno problemi – afferma ancora Paoloni – In qualche modo, pensano di aver ottenuto il loro obiettivo, quindi sono calmi. I rischi sono di altro genere dopo l’ approdo. Per esempio, c’ è una situazione sanitaria da tenere monitarata”.

Poi però, è molto forte il rischio dei disordini e delle rivolte non appena qualcuno dei nuovi approdati capisce di essere in lista per il rimpatrio o deve attendere molti mesi dentro un centro d’accoglienza: “Nei centri di lunga permanenza capita spesso che cerchino di inscenare rivolte per tentare di darsi alla fuga – si legge nel racconto del sindacalista della Polizia – Danno fuoco ai materassi, lanciano oggetti contro gli agenti. Cercano di alimentare scontri con i pretesti più disparati: una volta perché non c’ era il wi-fi, un’ altra volta perché il cibo non era di gradimento degli ospiti, ma la finalità ultima è sempre quella di tentare la fuga”.

Loading...

Eppure, conferma Paoloni, se ne parla poco ed anzi, per stessa ammissione del sindacalista, a volte arriva l’ordine di non dare notizia quando accadono fughe o rivolte che coinvolgono i migranti.

Il problema di questi giorni, questa è almeno l’impressione che trapela dagli ambienti delle forze dell’ordine, è che si è pronti solo per gestire l’ordinario. Ma fino allo scorso mese di agosto, ordinario vuol dire avere a che fare con un massimo di 1.200 migranti che sbarcano nell’arco di 30 giorni. Al 25 settembre invece, su base mensile il numero di persone approdate irregolarmente in Italia appare raddoppiato.

Quando il sistema dell’accoglienza oramai vira verso il ridimensionamento dei numeri, i continui sbarchi tra Lampedusa e le coste siciliane, oltre a quelle calabresi, mettono a serio rischio la tenuta del sistema di soccorso e di sicurezza. A garantire la situazione al momento, ci pensa il lavoro più che raddoppiato del personale delle forze dell’ordine.

Il prezzo pagato è però molto caro, tra turni snervanti, rischio tubercolosi ed un lavoro svolto in condizioni precarie sia di sicurezza che di igiene. Paoloni è già la seconda volta in meno di un mese a sottolinearlo.

La situazione che riguarda le forze dell’ordine altro non è che uno dei tanti aspetti in cui è ben visibile cosa sta comportando, nel sud Italia e non solo, l’impennata degli approdi, autonomi e non, da almeno un mese a questa parte.

fonte http://www.ilgiornale.it/news/cronache/sbarchi-aumento-denuncia-dei-poliziotti-colleghi-contagiati-1760926.html

Please follow and like us:
Loading...

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *