Privacy Policy Cookie Policy Un uomo alza le mani su sua moglie per l’ennesima volta: il figlio di 10 anni chiama la polizia e lo fa arrestare - Inedito

Un uomo alza le mani su sua moglie per l’ennesima volta: il figlio di 10 anni chiama la polizia e lo fa arrestare

Loading...

Loading...

Un uomo alza le mani su sua moglie: Costretto ad assistere all’ennesimo episodio di violenza tra i due genitori, un bambino di 10 anni di Firenze ha deciso di chiamare indipendentemente la polizia locale ed è riuscito a far arrestare l’uomo di 63 anni; che già la sera prima della chiamata del piccolo aveva malmenato la madre; ma in quel caso quest’ultima aveva pregato i vicini di non denunciare il compagno; che pure la trattava con violenza.

Un uomo alza le mani su sua moglie per l’ennesima volta: il figlio di 10 anni
Quando il bimbo ha assistito alla violenta lite; ha deciso immediatamente di darsi da fare chiamando la polizia: in evidente stato di choc all’arrivo degli ufficiali; il bambino è corso loro a braccia aperte sulla tromba delle scale del condominio dove viveva; in periferia di Firenze. Appena giunti alla porta; il 63enne si sarebbe messo davanti all’entrata tentando di non farli avvicinare e di rassicurarli che tutto sarebbe andato per il meglio. ma così non era.

L’uomo è poi passato alle minacce ed è stato prontamente arrestato per maltrattamenti in famiglia aggravati e minacce a pubblico ufficiale.

Secondo i dati forniti in seguito dalla madre del bambini, lei e il compagno di 63 anni litigavano spesso per motivi economici; e lui negli ultimi tempi era solito passare alla maniere forti. Un maltrattamento gravissimo che però ha trovato la sua fine grazie alla coraggiosa chiamata alla polizia di Firenze da parte del bimbo di 10 anni.

Storie vere che non vorremmo mai raccontarvi e che non dovrebbero accadere mai, ma che nonostante tutto, sono portatrici, in fin dei conti, di un lieto fine!

FONTE https://www.questanonlasai.net/un-uomo-alza-le-mani-su-sua-moglie-per-lennesima/?fbclid=IwAR2fUrj-ijSdv7fb9mJZRe5-4FEVt8cU3uBuroFnzumQ7aAcpzC_HGqy4Zc

Loading...
Please follow and like us:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *