Privacy Policy Cookie Policy Bambino di 2 anni salta sul divano,la mamma lo trova impiccato alla cordicella delle tende - Inedito

Bambino di 2 anni salta sul divano,la mamma lo trova impiccato alla cordicella delle tende

Loading...
Loading...

Terribile tragedia in Cornovaglia dove un bambino di soli 2 anni si è impiccato con la cordicella delle tende, con l’intento di regolarle, ed ovviamente non con l’intenzione di suicidarsi. A raccontare i dettagli della drammatica vicenda è stata Lauren Grimshaw, 26 anni, mamma del piccolo che ha spiegato:

In casa c’ero io, il mio compagno e da non molto era arrivata mia madre. Sono andata in cucina per azionare il bollitore e preparare un tè e quando sono tornata Cobie era stranamente tranquillo sullo schienale del divano. Pensavo si fosse addormentato, ma quando mi sono avvicinata ho visto la corda che gli stringeva la gola. Ho iniziato a urlare, mia madre mi ha dovuto togliere dalle mani il bambino perché ero in preda a una crisi isterica. Sono andata a chiamare il mio vicino di casa che lavora come volontario e, in attesa dell’ambulanza, ha eseguito un massaggio polmonare per venti minuti”.

Il piccolo è stato prelevato il elisoccorso ed è stato trasportato in ospedale, dove è stato ricoverato per 7 giorni. Purtroppo, però, il 7 aprile Cobie non ce l’ha fatta ed i medici avevano già preparato la donna a questa eventualità. “Mi è stato detto che il suo cervello si era gonfiato e che probabilmente non ce l’avrebbe fatta – ha raccontato la mamma di Cobie – È stato tenuto attaccato a un ventilatore fino al 7 aprile, quando è deceduto. Sono devastata dalla morte di Cobie e mi manca ogni giorno. Vorrei solo che le cose tornassero quelle di prima”. Secondo quanto rivelato dal medico legale il bambino è morto a causa di un arresto cardiaco, provocato dallo strangolamento, mentre la polizia della Cornovaglia non ha riscontrato alcun elemento sospetto. Non ci sono stati dubbi sul fatto che si sia trattato solo di un tragico incidente.

Loading...
Please follow and like us:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *