Privacy Policy Cookie Policy Coronavirus, premier Conte: “Non immagino feste natalizie con baci e abbracci, cenoni e tombolate” - Inedito

Coronavirus, premier Conte: “Non immagino feste natalizie con baci e abbracci, cenoni e tombolate”

Loading...
Loading...

Chi ora rifiuta le tre fasce ci porta a sbattere contro un nuovo lockdown generalizzato. Serve unità”. Sono le parole del Premier Giuseppe Conte in seguito alle proteste e all’insoddisfazione espressa dai governatori delle Regioni. Lombardia, Piemonte, Valle D’Aosta e Calabria, finite in zona rossa, non approvano l’ultimo Dpcm approvato dal governo ed in particolare contestano i criteri utilizzati per la divisione in fasce. “A chi accusa di agire sulla base di discriminazioni politiche” Conte risponde: “Non c’è nessuna volontà di penalizzare alcune aree a discapito di altre. Non c’è alcun margine di discrezionalità politica nell’ordinanza del ministro Speranza. Le Regioni sono parte integrante di questo meccanismo”.

Qualcun altro, invece, nutre il sospetto che alcune regioni abbiano fornito dati falsati: Conte non lo crede possibile e afferma: “Non oso neppure pensarlo. Significherebbe mettere scientemente a rischio la vita dei propri concittadini”. In ogni caso per mettere a tacere le voci aggiunge: “Ho voluto che nel decreto ristori bis fosse inserita una norma che contribuirà a rendere ancora più chiaro e trasparente il meccanismo di monitoraggio, in modo che la comunità scientifica e tutti i cittadini possano accedere a queste informazioni”.

L’ultimo tema che intende chiarire Conte è infine quello delle festività natalizie. A tal riguardo spiega il suo punto di vista: “Non immagino feste natalizie con baci e abbracci, cenoni e tombolate. Spero ci guadagneremo un po’ di serenità e che l’economia potrà marciare a pieno regime”. Infine conclude il discorso spostando l’attenzione sul piano economico: “Abbiamo inserito un fondo per erogare nuove risorse da destinare a Regioni che dovessero peggiorare il proprio livello di rischio”.

Loading...
Please follow and like us:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *